Lo spray che ti rende ubriaco

Volete provare l’ebbrezza (in senso letterale) di essere ubriachi, ma volete che gli effetti svaniscano in pochi secondi senza postumi?
Il ricercatore David Edwards e il noto designer Philippe Starck hanno inventato un gadget decisamente insolito:  uno spray che fa diventare immediatamente ubriachi, con un effetto che dura qualche secondo.

Il prodotto, che si chiama WA|HH Quantum Sensation, è stato presentato mercoledì scorso a Parigi: ogni spruzzata dello spray contiene 0,075 ml di alcol, cioè mille volte meno di un normale drink, e farebbe un effetto equivalente a quello di un cocktail martini.
Oltre a non avere postumi, gli effetti svanirebbero completamente in breve tempo, dato che in pochi minuti apparentemente non ci sono neppure più tracce rilevate dall’etilometro.

La domanda sorge spontanea: a cosa serve? Sicuramente, WA|HH permette anche a chi non ha mai bevuto di sapere com’è sentirsi ebbro per qualche minuto (e poi iniziare a bere sul serio, immaginiamo…), ma gli inventori hanno dato una spiegazione più “nobile”: infatti, gli alcolisti in crisi di astinenza potranno soddisfare la loro voglia, senza andare ad affaticare ulteriormente il loro fegato.

Certamente, c’è un lato negativo: il prezzo di circa 30 Euro, che non lo rende certo un alternativa economica agli alcolici tradizionali.
David Edwards aveva inventato anche un inalatore chiamato “Le Whif”, che permette di assaporare il cioccolato… senza ingrassare.

Annunci
Contrassegnato da tag ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: